A- A A+

Il Polittico

147872

La chiesa di S.Giorgio ospitava un tempo l'Ancona della Passione, un grande polittico in legno scolpito e dipinto. Quest'opera, realizzata intorno alla metà del XVI secolo in una bottega anversese, fu commissionata dal nobile locale Giovanni Andrea Anone per la cappella di famiglia.
In essa si alternano pitture e sculture narranti la drammatica vicenda della Passione. La sua struttura è data da due elementi distinti e sovrapposti, la predella e l'ancona vera e propria. Sul primo sono dipinti gli episodi del Bacio di Giuda e la Cattura di Gesù, l'Ultima Cena e Cristo nell'Orto dei Getsemani separati da pilastri finemente intagliati e decorati. Nel secondo troviamo, invece, un doppio ordine di scene con notevole e sorprendente ricchezza di personaggi. Nel registro superiore, in posizione centrale e più alta, troviamo la Crocifissione inserita in una serliana ed affiancata da una Caduta di Cristo e la Veronica, a sinistra, e dalla Deposizione, a destra, mentre nel registro inferiore sono indicate, sempre nello stesso ordine, l'Ecce Homo, la Flagellazione e l'Incoronazione di spine. Tutte quante le scene sono circoscritte da cornici architettoniche molto elaborate.
In alto un'ampia cornice in legno con rilievi dorati e ricca di bordi ornamentali corona l'intero polittico.
Le due ante dell'ancona, all'occorrenza chiudibili ad armadio, raffigurano nella parte interna la Resurrezione di Cristo a sinistra ed il Giudizio Universale a destra mentre all'esterno mostrano rispettivamente S.Giorgio col drago e S.Andrea con il committente, probabilmente il nobile G.A.Annone.
Il polittico è stato sottoposto a due successivi interventi di restauro: il primo, negli anni Settanta, il secondo, più recente, avvenuto nell'estate 2004 presso il Museo Diocesano di Milano, dove tutt'ora è conservato. In quest'ultima occasione è stato rinvenuto in alcuni punti dell'ancona il marchio di Anversa, raffigurante due mani nere, che attesta la provenienza da una bottega di quella città.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.