A- A A+

Pista Ciclopedonale - Ciclovia dei Laghi

l lago di Annone è un lago situato in provincia di Lecco, in Lombardia.Si trova nella parte settentrionale della Brianza, all'imbocco della valle Magrera ad ovest della città di Lecco. E’ il più esteso dei laghi briantei. La caratteristica del lago è quella di avere una penisola, chiamata penisola di Isella, che crea uno stretto canale che divide il lago stesso in due. Annone di Brianza è uno dei comuni, insieme a Suello, Civate, Galbiate e Oggiono, allinterno dei quali è inserito una parte del lago.

foto 1

Fin dai tempi antichi è stato un importante punto di transito per i commerci tra Lecco e Como. Esistono cenni storici che testimoniano l’esistenza di un ponte di età romana che avrebbe unito la penisola di Isella con i primi insediamenti di Annone.

Da pochi anni è stato costruita una pista che circonda il bacino del lago di Annone. Il percorso è interrotto, per un breve tratto, nella zona tra Galbiate e Oggiono. Per il resto, si ha a disposizione circa 15 km di pista con diversi tipi di fondo. Alcuni tratti sono stati fatti con una base cementizia, altri si ha terra battuta, in altri ancora troviamo l’asfalto.

E’ un itinerario a stretto contatto con la natura e ideale quindi a sportivi, cicloamatori e famiglie a passeggio, che potranno usufruire in tutta sicurezza di un percorso protetto e lontano dal traffico delle strade. Si tratta di un ambito territoriale particolarmente pregevole sia sotto il profilo ecologico che naturalistico-ambientale, che sotto il profilo storico-culturale. Riveste inoltre un ruolo di cerniera tra i due ambiti territoriali provinciali delle valli e della costa lacuale a nord e a sud delle colline briantee.

Il tracciato va ad innestarsi con la Ciclovia dei Laghi, una dorsale di 270 km (che diventano 310 considerando anche i tracciati alternativi e i percorsi ad anello come quello del lago di Annone) che dalle sponde del lago di Como a Colico conduce, attraverso le province di Lecco, Como e Varese, a Ponte Tresa, attraversando nove ambiti paesaggistici diversi e numerosi parchi o siti di interesse naturalistico. Per meglio comprendere il valore di questa realizzazione, basti pensare all’opportunità che un ciclista di Bagnolo, Annone o Civate avrebbe nell’inforcare la propria bicicletta per raggiungere, esclusivamente su tracciati ciclabili, la Valtellina, la Svizzera o le sponde del Lago Maggiore, all’insegna di un turismo lento e sostenibile.

foto 2

Una potenzialità enorme per le sponde dei cinque comuni interessati dalla pista ciclabile, specie considerando l’apporto turistico che una simile opera richiama nel territorio lecchese grazie anche alla sua posizione strategica a due passi dalla pianura lombarda e dalla città di Milano.
Sotto il profilo naturalistico, il nuovo tracciato unisce i principali parchi del lecchese, dal Monte Barro al Parco di Montevecchia e della Valle del Curone, dal Plis della Valletta al Parco della Valle del Lambro già interessati da circuiti ciclopedonali esistenti.

Qualche dettaglio tecnico

Dislivello (quota max-min): 51 m
Dislivello salita: 186 m
Dislivello discesa: 186 m

Pendenza media: 0.4 %
Pendenza max: 20 %

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.