A- A A+

Battello per la pulizia del lago

Il 28 maggio 2015 è arrivato un battello spazzino che la provincia di Como ha concesso all’Autorità di Bacino del Lario e dei Laghi Minori per intervenire a ridurre la presenza di castagnole ( trapa natans) e delle cannette ( phragmites communis ). 

Si lavorerà su un progetto redatto dall’idrobiologo Alberto Negri e sarà sua la supervisione del lavoro. Si parla di riduzione e non di eradicazione perché sono piante protette per la loro funzione positiva verso pesci e uccelli. Sono stati fatti i dovuti permessi alla provincia di Lecco per poter operare.
Il battello spazzino è dotato di una barra falciante che taglia ad una certa profondità le piante. I residui vengono convogliati su un rullo che accumula tutto il materiale sulla parte posteriore. Quando è pieno, si porta a riva ed un secondo rullo scarica il materiale vegetale.
Il materiale viene, in seguito, smaltito della Silea Spa a livello gratuito.
Da parecchi anni non si interveniva in questo modo.
Per confermare l’attenzione alla biodiversità del lago, giovedì 18 giugno le associazioni di Annone ed Oggiono hanno strappato a mano le castagnole da una zona di Bagnolo per la presenza di un’alga autoctona che si vuole conservare e favorire.
Da fine giugno sta operando col taglio delle castagnole che stanno già coprendo ampie zone del lago. In seguito ci sarà una seconda uscita verso agosto per le cannette.
Con il suo supporto sarà possibile eliminare le tonnellate di vegetali presenti nel lago e ciò aiuterà a dare più ossigeno all’acqua, poiché migliorerà la circolazione dell’acqua e una certa quantità di residui vegetali non si degraderà sul fondo.
Come impatto visivo ci farà godere un lago più “ pulito “.
Aiuterà la crescita di altre piante acquatiche e quindi migliorerà la biodiversità.
Sarà un'opera di contenimento, non di eradicazione totale, quindi si mantiene intatta la funzione di rifugio e di nidificazione per pesci e uccelli.
L’Amministrazione Comunale, fin dal suo insediamento, ha preso contatti con la Provincia di Lecco e con l’Autorità di Bacino per raggiungere questo obiettivo. L’accordo che sarà firmato avrà la durata di cinque anni. Il nostro Comune è stato quello che ha maggiormente spinto per l’arrivo del battello.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.